Taralli Pugliesi di San Severo

Taralli Pugliesi di San Severo

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Taralli pugliesi
Il tarallo pugliese nacque probabilmente agli inizi del 1400: prodotto povero e semplice, veniva preparato nelle case contadine ed offerto agli ospiti assieme a un bicchiere di vino.

Le origini del suo nome sono controverse: secondo alcuni deriverebbe dal latino torrère, abbrustolire; secondo altri, invece, dal francese toral, essiccatoio. Altre due ipotesi lo fanno risalire al francese antico danal, cioè pane rotondo, o all’italico tar, avvolgere.

Sembra, però, che l’origine più probabile sia greca, dalla parola daratos che significava “sorta di pane”. E proprio al posto del pane, ieri come oggi, si usa consumarlo.
Il tarallo ha avuto un tale successo in Italia e all’estero da diventare un vero e proprio prodotto tipico e recentemente ha conquistato la denominazione PAT, Prodotto Agroalimentare Tradizionale italiano.

La sua bontà è tale che molte regioni del centro-sud ne vantano una variante autoctona: la Calabria, la Basilicata, il Lazio, il Molise, la Sicilia e la Campania. Il tarallo pugliese, però, si contraddistingue per semplicità e leggerezza.

I taralli pugliesi si possono gustare al meglio con la maggior parte dei vini bianchi e rossi italiani da pasto. Sono ottimi, ad esempio, con il Lambrusco emiliano. Oggi, però, sia in Italia che all’estero, sono considerati un ottimo accompagnamento per l’aperitivo, e, come antipasto, sono deliziosi con salumi e formaggi, soprattutto se aromatizzati con i semi di finocchio.

Taralli Tradizionali

 

 

 

Acquista online

 

 

 

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

LASCIA UN COMMENTO

L'indirizzo email non verrà pubblicato.